15/06/2016 ‪#‎VeritàperGiulioRegeni‬

Mercoledi 15 Giugno 2016 si terrà: – 09:00 – 18:30 Subcommittee on Human Rights Brussels, Paul-Henri Spaak, 4B001, 3C50 -17.00 – 18.30: In association with the Delegation for relations …

Source: 15/06/2016 ‪#‎VeritàperGiulioRegeni‬

Advertisements

My articles for Restarting the Future

08/01/2015 Corruption vs Competition: clean negotiations lead to free market dynamics, By Vania Putatti, #EP2014 http://www.restartingthefuture.eu/news#corruption-vs-competition-clean-negotiations-lead-to-free-market-dynamics

03/02/2015, 20 years of fighting against corruption in the European Union, By Vania Putatti, #EP2014 http://www.restartingthefuture.eu/news#20-years-of-fighting-against-corruption-in-the-european-union

03/03/2015 The regulations to fight against corruption already exist at the European Union, By Vania Putatti, #EP2014 http://www.restartingthefuture.eu/news#the-regulations-to-fight-against-corruption-already-exist-at-the-european-union

25/03/2015 Confiscation of illegal assets: a profit-driven method to fight against criminal organizations, By Vania Putatti #EP2014 http://www.restartingthefuture.eu/news#confiscation-of-illegal-assets-a-profit-driven-method-to-fight-against-criminal-organizations

30/03/2015 Libera Brussels launches a campaign inspired by Restarting the Future. COM.IT.ES Trasparente: in April vote for transparency! By Vania Putatti #EP2014 http://www.restartingthefuture.eu/news#libera-brussels-launch-a-campaign

16/04/2015 COM.IT.ES: MORE TRANSPARENCY, LESS CORRUPTION, by Vania Putatti #EP2014, http://www.restartingthefuture.eu/news#com.it.es-trasparente-more-transparency-less-corruption

Giugno 2015 – Bella Ciao – Numero 1 Libera Bruxelles! Vania Putatti e Marceella http://bellaciaobelgio.altervista.org/wp-content/uploads/2015/06/bellaciao_1.pdf

The origin of the Great Recession | eu-magazine.com

ORIGINAL ARTICLE: The origin of the Great Recession | eu-magazine.com.

Many economists agree that the financial crisis started in 2007 in the US due to a combination of credit expansion and an underestimation of the risk in financial markets. On the one hand, banks used to use deposits to fund loans that they then kept on their balance sheets until maturity. If the borrowers defaulted, the banks would bear the losses. This process, called “originate to hold model”, incentivises banks to evaluate the creditworthiness of borrowers. Over time, the process turned into the so-called “originate to distribute model”. Banks began expanding their funding sources and instead of holding on to mortgages, brokers and banks started originating and selling them to be securitised. The originators were incentivised to sell as many mortgages as possible because they were paid based on the number of mortgages that they approved.

In addition, as they were selling the mortgages, they were not giving much consideration to the creditworthiness of the borrowers. On the other hand, the innovation of the process of securitisation lead to an underestimation of the risk. Securitisation was based on a whole set of loans taken from across the country to diversify the risk. The combination between the origin-to-distribute model and the new process of securitisation caused a credit boom without the proper procedure for checking the quality of the borrowers. Indeed, mortgages created before these changes were of significantly higher quality than those originating after.

In the real estate sector, borrowers were encouraged by banks or brokers to borrow mortgages up to the full value of their property, and to borrow more as soon as the value increased, with little regard to their ability to service the debt. As The Economist pointed out already in 2005 “the total value of the residential property in developed economies rose by more than $30 trillion over the past five years to over $70 trillion, an increase equivalent to 100% of those countries’ combined GDPs. Not only does this dwarf any previous house-price boom, it is larger than the global stock market bubble in the late 1920s (55% of GDP). In other words it looks like the biggest bubble in history”1.

1 In come the waves, The Economist, June 16, 2005 http://www.economist.com/node/4079027.

Photo credits: www.coreviews.com

Author: Vania Putatti

COM.IT.ES: più trasparenza, meno corruzione

ORIGINAL ARTICLE: http://www.riparteilfuturo.it/blog/esperti/com.it.es-trasparente-piu-trasparenza,-meno-corruzione/

Alla vigilia delle elezioni del Comites, organi locali di rappresentanza della comunità italiana all’estero, è possibile osservare gli sviluppi della campagna COM.IT.ES Trasparente, ispirata a Riparte il Futuro e promossa da Libera Bruxelles.
Libera Bruxelles ha invitato i candidati delle due liste, n1 “Fare e Rappresentare” e n2 “Comites è Partecipazione”, a firmare un documento in promozione di un comportamento pulito e trasparente dei rappresentanti futuri. Oltre alla promozione per l’anticorruzione e la trasparenza nelle procedure d’assunzione in cui i Comites sono coinvolti, anche indirettamente, Libera Bruxelles ha chiesto un contributo individuale ai candidati, attraverso la resa pubblica del curriculum professionale e la dichiarazione di qualsiasi conflitto di interesse o precedente penale.

Nicoletta Casano, Comites è partecipazione.

Undici dei quattordici membri della lista “Comites è Partecipazione” hanno firmato la campagna. “È necessario trasmettere maggiore trasparenza per l’elettorato di questi enti”, dichiara Simone Casadei Pastorini, infatti “per realizzare gli obiettivi di partecipazione e di coesione che ogni comitato è chiamato a perseguire, tutti i candidati devono garantire la propria indipendenza davanti alla comunità a cui si rivologono”, precisa Alessandro Lanzillotto. Come è possibile capire leggendo le dichiarazioni a questo link, tra i firmatari è condivisa l’idea che la lotta contro le organizzazioni criminali e corruzione politica dovrebbe essere una prerogativa per qualsiasi rappresentante eletto. Inoltre dovrebbero essere intraprese azioni più attive a sostegno di comportamenti puliti. Oltre a Simone Casadei Pastorini e Alessandro Lanzillotto, anche i seguenti candidati hanno firmato la campagna COM.IT.ES Trasparente: Casano Nicoletta, Bettarini Lapo, Zamburlini Maria Giovanna, Albertazzi Andrea, Baldini Elisa, Grispigni Marco, Fulgenzi Erika, Palmieri Federica, e Bonne Massimiliano . È possibile trovare loro dichiarazione, contatti e CV a questo link. Costa Stefania, Alessandro Castro e Cala ‘Cataldo non ha firmato la campagna (alla data 14/04/2015).

Massimiliano Bonne, Comites è partecipazione.

Al contrario, la lista n2 “Fare e Rappresentare” ha mostrato notevole scetticismo nei confronti della campagna promossa da Libera Bruxelles. I candidati Eleonora Medda, Raffaele Napolitano, Riccardo Ricci, Benedetta Dentamaro dichiarato ” alcuni degli impegni richiesti [dalla campagna di COM.IT.ES Trasparente, NdR] travalicano le competenze del Comites e sfuggono sia all’ambito di attività del comitato stesso che alla condotta dei singoli componenti”. Come è possibile leggere dal comunicato stampa del 01/04 , i candidati della lista n1 preferiscono “scongiurare l’uso strumentale di tematiche così importanti proprio negli ultimissimi giorni di campagna elettorale per il rinnovo dei Comites”. Da quanto dichiarato dai medesimi candidati, i principi della campagna promossa da Libera di Bruxelles sono già inclusi nel programma della lista n1 e non è necessario promuovere una campagna parallela con gli stessi valori. Nonostante ciò, Libera di Bruxelles ha sottolineato il fatto che parole come “trasparenza” e “conflitto di interessi” non appaiono mai nel programma di “Fare e Rappresentare” (disponibile a questo link). Nessuno dei dodici candidati della lista n1 ha firmato la campagna COM.IT.ES Trasparente: Medda Eleonora, Napolitano Raffaele, Lazzaroni Francesca Anna Marta, Ricci Riccardo, Dentamaro Benedetta, Morelli Vittorio, Dalmasso Maria Luisa, Patane ‘Sergio, Gervasi Lidia Angela , Schiavoni Fabrizio Bruno Pierre Franco, Luisa Bongiovanni e Cacopardo Santo (alla data 14/04/2015).

COM.IT.ES Trasparente: in aprile votare per la trasparenza!

Il 16 Aprile 2015 si terranno le elezioni dei COM.IT.ES, organi di rappresentanza locale delle comunità italiane all’estero. Pur non avendo competenze decisionali, i Comites hanno importanti ruoli consultazione e controllo su uffici pubblici italiani all’estero, in particolare il consolato. Questo significa che i rappresentanti che verranno eletti avranno l’opportunità questi poteri per promuovere procedure amministrative “pulite” o segnalare comportamenti o pratiche non trasparenti.

ORIGINAL ARTICLE: http://www.riparteilfuturo.it/blog/esperti/comites-trasparente-in-aprile-votare-per-la-trasparenza!/

In occasione dell’elezione del 2015, Libera Bruxelles, il primo presidio in Belgio di “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie”, lancia la campagna COM.IT.ES Trasparente. Fondata nel dicembre del 2013 e composta esclusivamente da volontari, Libera Bruxelles promuove e sostiene la lotta contro le organizzazioni criminali e tutti i reati connessi, nel tentativo di diffondere in Belgio e dell’Unione europea consapevolezza nei confronti di questi fattori pericolosi. COM.IT.ES Trasparente è una campagna politica ispirata Riparte il Futuro, con cui condivide lo stesso obiettivo: il raggiungimento di una classe dirigente “pulita” e trasparente.

Libera Bruxelles invita i candidati alle elezioni dei Comites a compromettersi in una campagna per promuovere trasparenza e buona condotta negli uffici pubblici italiani all’estero. I candidati sono invitati rendere pubblico il curriculum professionale, dichiarare possibili conflitti d’interesse e precedenti penali. Inoltre, viene chiesto ai potenziali rappresentanti di promuovere politiche interne ad esterne ai Comites di trasparenza e anti-corruzione, in particolare nei rapporti col Consolato.

Le prime risposte arrivano dalla lista N2 “Comites Ê Partecipazione”. I seguenti candidati hanno firmato personalmente la campagna COM.IT.ES Trasparente: Lapo Bettarin, Marco Grispini, Andrea Albertazzi, Simone Casadei Pastorino , Nicoletta Cesano e Alessandro Lanzillotto.

Da sinistra a destra: Marco Grispini, Lapo Bettarini, Andrea Albertazzi, dalla lista “Comites è Partecipazione”.

Dalla lista N1 “Fare e Rappresentare” ancora nessuna adesione, ma i rappresentanti Eleonora Medda, Raffaele Napolitano, Riccardo Ricci, Benedetta Dentamaro hanno comunicato attraverso un comunicato stampa del 1 Aprile 2015 che non possono aderire alla campagna per “scongiurare l’uso strumentale di tematiche così importanti” e per il fatto che gli “impegni richiesti travalicano le competenze del Comites”.

COM.IT.ES Trasparente rappresenta l’inizio di un percorso politico in cui i rappresentanti possano dimostrare attivamente la promozione di pratiche pulite e trasparenti. I candidati hanno un’importante occasione per dimostrare il loro impegno politico su questi importanti valori associando alla propria candidature un impegno in prima persona.

Da sinistra a destra: Simone Casadei Pastorino , Nicoletta Cesano e Alessandro Lanzillotto, della lista N2 “Comites è Partecipazione”.

LIBERA BRUSSELS LAUNCHES A CAMPAIGN INSPIRED BY RESTARTING THE FUTURE. COM.IT.ES TRASPARENTE: IN APRIL VOTE FOR TRANSPARENCY!

ORIGINAL ARTICLE: http://www.restartingthefuture.eu/news#libera-brussels-launch-a-campaign

On the 17th of April 2015 will take place the elections of the COM.IT.ES, the representative bodies of Italians communities abroad. Despite not having decision-making competences, the COMITES have important consultation and control powers on the Italian public offices abroad, in particular the consulate. This means that elected representatives have an important opportunity to use their role to promote clean procedures or report non-transparent behaviours or practices.

With the occasion of the election of 2015, Libera Bruxelles, the first representative seat of  Libera in Belgium, launches the campaign “COM.IT.ES Trasparente” (more information here). Founded in December 2013 and composed exclusively by volunteers, Libera Bruxelles promotes and supports the fight against criminal organizations and corruption, with the main goal to rise awareness towards these dangerous factors, in Belgium and in the European Union.

COM.IT.ES Trasparente is a political campaign inspired by Restarting the Future, with which it shares the same objective: the achievement of a clean and transparent political leadership.

Libera Bruxelles invites all candidates to compromise themselves in an effort to promote personal transparency and support clean activities inside Italians public offices abroad. On the one hand, the candidates are asked to make their professional CV public, and to declare any personal conflict of interest and penal background. On the other hand, they are asked to endorse internal and external policies on whistleblowing protection and transparency concerning open public vacancies as well as the relationship between the consulate and the COMITES.

The first signatories come from the list N°2 “Comites è Partecipazione”. Lapo Bettarini points out that the agenda of COM.IT.ES Trasparente should be a prerogative for all the elections, as Marco Grispini explains: “all representative bodies should guarantee honesty and transparency as an essential first step” (e.d.: the quote is translated from Italian). In this way, corruption could be left outside of politics, as underlines Andrea Albertazzi.

COM.IT.ES Trasparente represents the beginning of a path in which representatives are directlyactive in the promotion of “healthy” political behaviours. The candidates have an important opportunity to prove their commitment with these values and associate themselves with an official action against corruption.

From left to right: Marco Grispini, Lapo Bettarini and Andrea Albertazzi, from the list “Comites è Partecipazione”

By Vania Putatti, @VaniaPutatti